• Barbara Spinelli all'apertura della campagna elettorale de L'Altra Emilia Romagna
    Barbara Spinelli all'apertura della campagna elettorale de L'Altra Emilia Romagna
  • I candidati
    I candidati

    Foto di gruppo dei candidati

  • Guido Viale apre la campagna elettorale de L'Altra Emilia Romagna
    Guido Viale apre la campagna elettorale de L'Altra Emilia Romagna
  • Piazza maggiore
    Piazza maggiore

    Come si vedeva piazza Maggiore dal palco da dove parlò Alexis Tsipras

  • Cristina Quintavalla al picchetto davanti alla CNA
    Cristina Quintavalla al picchetto davanti alla CNA
  • La manifestazione della CGIL
    La manifestazione della CGIL

    Il nostro striscione alla manifestazione della CGIL del 16 ottobre

SOSTENIAMO L’ALTRA EMILIA ROMAGNA In evidenza

Le prossime elezioni in Emilia-Romagna, rappresentano un appuntamento importante per il rinnovamento degli assetti politici e programmatici di una regione che è stata - per lungo tempo - all'avanguardia dello sviluppo economico e civile, ma che oggi subisce le pesanti conseguenze della crisi economica a partire da un vistoso aumento dei disoccupati ed inoccupati. La deindustrializzazione è ormai un fatto reale, intere filiere produttive sono a rischio di estinzione.

Le politiche regionali, negli ultimi anni, sono state caratterizzate da un forte appiattimento ed appannamento delle capacità di governo, in particolare in settori portanti quali il consumo di suolo e  l'ambiente, le infrastrutture per la mobilità, la programmazione economica e la formazione.

 

Si è instaurata, e si è via via consolidata, una pratica di negoziazione tra i diversi livelli istituzionali e attori sociali, in assenza di una forte visione d'insieme e senza individuare le necessarie priorità. Le scelte in molti casi si sono rivelate inadeguate o sbagliate, basti pensare al settore delle costruzioni dove ad uno sconsiderato consumo di suolo si affianca l'accumularsi di più di 50.000 appartamenti nuovi invenduti.

Non meno critica è la situazione dal punto di vista della funzionalità istituzionale e degli strumenti di partecipazione democratica, in conseguenza dello svuotamento delle provincie non adeguatamente e prontamente sostituite da una nuova organizzazione istituzionale mentre prolificano gli enti di secondo livello, non  elettivi, che segnano - in misura sempre più forte - il distacco dei cittadini dalla partecipazione attiva. Infine, nessun segnale di dissenso è venuto dalla dominante classe politica regionale nei confronti delle scelte del governo Renzi, approdate in materia di lavoro ad una grave lesione dei diritti fondamentali tutelati dallo Statuto dei lavoratori.

Il PD emiliano, anche attraverso la candidatura di Bonaccini di fatto avalla le scelte di Renzi, contraddicendo la sua storia e rompendo con la sua tradizione di forza popolare, di sinistra e riformatrice. Si rende necessaria una svolta politica sancita dall'affermazione delle forze più vive della sinistra e della società civile che opponendosi alla deriva di destra, agiscano in difesa dei valori e dei diritti sociali ed economici oggi in serio pericolo.

L’Altra Emilia Romagna esprime una coerente continuità con il progetto dell’Altra Europa con Tsipras. Il suo progetto politico e programmatico si riconnette alle lotte contro il propagarsi di un neoliberismo pericoloso per la democrazia e i diritti, contro le imposizioni di austerità e di tagli al welfare della Troika, alla base dell’aggravarsi della crisi e dell’esasperazione delle ingiustizie sociali.

Per questa ragione i sottoscritti sostengono con il proprio voto i candidati della lista L'altra Emilia Romagna.

Primi firmatari:

Marco Capponi (fisico), Pierluigi Cervellati (architetto), Neva Fanti (funz pubblico), Mauro Zani (dirigente politico della sinistra), Vittorio Capecchi (economista ricercatore), Gabriele Pastrello (economista), Gianni Vannini (docente fisica), Claudio Berardi (assicuratore), Francesco Garibaldo (sociologo ricercatore), Federico Mucciarelli (giurista), Dino Buzzetti (docente universitario), Rudi Ghedini (editorialista scrittore), Libero Mancuso (ex magistrato), Paolo Tomasi (ricercatore dir. Sindacale), Renzo Craighero ( mov acqua pubblica), Silvia Lolli (insegnante ed. fisica) Gabriella Masciaga (cooperatrice) . Giovanni Gottarelli  (Università di Bologna) e Flavio Niccoli (operatore culturale ), Sergio Zappoli (chimica industriale).

Facebook

Twitter

Donate con PayPal

Contribuisci anche tu alla campagna elettorale

:
 EUR
  • Sinistra anticapitalista: «L'Altra Emilia Romagna è un primo passo per la sinistra di alternativa

    «La costruzione della Lista “L’altra Emilia Romagna” è stata l’espressione parziale, ma positiva, pur con tante ambiguità che permangono, di una prima chiarificazione politica operata all’interno della Lista Tsipras tra chi vuole rimanere sul carro del PD e chi vuole provare a individuare un’alternativa all’attuale blocco politico e di potere nella regione».

    {K2Splitter}
    in Comunicati Leggi tutto...
  • Dissesto, a rischio l'ottantacinque per cento dei comuni emiliani.
    Dissesto, a rischio l'ottantacinque per cento dei comuni emiliani.

     

    Quintavalla (Aer): «Basta grandi opere e sblocca Italia, sblocchiamo la prevenzione e la manutenzione del territorio»

    {K2Splitter}
    in Documenti Altra Emilia Romagna Leggi tutto...
  • Quintavalla (Aer): «La “buona scuola"è pessima: fredda, senza soldi ed esclusiva»

    E' ancora vivida, e da quella voglio partire, la vicenda di uno studente dell'Ipsia di Parma sbattuto fuori per cinque ore dalla classe perché la sua famiglia non è riuscita a pagare il contributo volontario, 130 euro. 

    {K2Splitter}
    Leggi tutto...

Cerca nel sito