Quintavalla (Aer): «Lo spot elettorale razzista di Salvini e si tramuta in tentato omicidio»

«Salvini e Fabbri, fascisti su Marte, Bologna e l'Emilia sono medaglia d'oro per la Resistenza!». Cristina Quintavala, candidata presidente per l'Altra Emilia Romagna, si associa alle parole della Nazione Rom contro la provocazione xenofoba della Lega nel campo sinti di Via Erbosa che stamattina ha rischiato di tramutarsi in tragedia col tentato omicidio, da parte dell'autista di Salvini, di due dei manifestanti antirazzisti. L'annunciato spot elettorale della Lega, da cui perfino Forza Italia s'è smarcata, non poteva trasudare più di così di odio per la vita e la dignità delle persone».

«Vada a colonizzare un altro pianeta, qui il razzismo non è ammesso, l'istigazione all'odio razziale è un reato grave e l'anomalia dei campi è che sono veri e propri lager». «I rom erano qui, sono qui e rimarranno qui e battersi contro la loro esclusione vuol dire battersi per l'inclusione e la solidarietà per tutti.  Nessuno deve essere usato come oggetto disumanizzato dai governi e, invece deve essere coinvolto nelle decisioni che hanno un impatto sulle loro e sulle vite delle altre persone.

 Oggi i governi adottano politiche che sono il risultato della manipolazione di paure a lungo radicate sull’“invasione degli zingari” o sulla “criminalità degli zingari”, e dentro queste paure nuotano gli squali del liberismo renziano e del leghismo».

«L'unico programma della Lega è la guerra dei penultimi contro gli ultimi».

 

CRISTINA QUINTAVALLA, CANDIDATA PRESIDENTE PER L'ALTRA EMILIA ROMAGNA

 

ufficio stampa checchino antonini

Cerca nel sito